Consigli in campeggioFormiche, Legionella e muffa: tre problemi e tre soluzioni...

Formiche, Legionella e muffa: tre problemi e tre soluzioni in camper

-

Sia che usiate il camper per le vacanze oppure decidete di viverci tutto l’anno, ci sono tre problemi che potreste imbattervi. Le formiche, la legionella e la muffa. Vediamoli nel dettaglio e quali soluzioni si possono adottare.

Utilizzare il camper, vuol dire anche fare attenzione a tre nemici: la muffa, le formiche e la legionella. Sia che siate camperisti oppure decidiate di viverci tutto l’anno, il camper è spesso a contatto diretto con il terreno e la natura, viene lasciato per lunghi periodi nei rimessaggi e ancora durante l’uso viene rifornito di acqua da fontane o utilizzando tubi, che non vengono sempre mantenuti in modo efficiente. Di seguito affronteremo i tre comuni problemi, impareremo a conoscerci e a prevenirli.

Formiche in camper

Arrivano silenziose e come una colonia operosa, si stabilizzano dove c’è il cibo e non le muovi più, o quasi. Parliamo delle formiche che all’interno di un camper è sempre una cosa sgradevole e può creare danni. Uno di questi più comuni oltre che alla classica invasione, è il danno da scavo. Le colonie di formiche, infatti possono essere numerosissime e rovinare pavimenti, letti, mobili e scorte di cibo. Il danno da scavo si riconosce quando in un qualunque punto del pavimento del camper si notano briciole di segatura ed è proprio lì che le formiche hanno agito e iniziato a corrodere il pavimento procurando danni anche estesi all’intera struttura. Ma come porre rimedio? Per evitare che le formiche si annidino all’interno del camper è, innanzitutto indispensabile mantenere gli ambienti puliti e privi di residui di cibo o briciole che possono attirare gli insetti. Prima di intervenire con i rimedi più classici, è importante scoprire da dove arrivano: dal vano motore, dalla ruota o da un finestrino chiuso non correttamente. A questo punto, una volta trovata la fonte, il rimedio più classico è la scopa, ma non è detto che il problema si risolva. A volte occorre usare del veleno granulare ad azione lenta così da poter agire nel giro di due massimo tre giorni e dare il tempo alle formiche di portarlo al proprio nido, sterminandole alla fonte.

La legionella nel serbatoio dell’acqua.
Innanzi tutto definiamo cos’è la legionella: è un bacillo che provoca una malattia che si trasmette per via aerea chiamata legionellosi che colpisce prevalentemente il sistema respiratorio con forme anche acute di polmonite. In camper può arrivare nel serbatoio da qualsiasi approvvigionamento di acqua, anche dall’acquedotto, Il bacillo rimane latente a temperature da 0° a 25°C e prolifera  tra i 25° e 45°soprattutto in condizioni di stagnazione (serbatoi), in presenza di incrostazioni o sedimenti (superfici con calcare), in presenza di biofilm (le classiche alghe o patine viscide dei serbatoi), in presenza di amebe (organismi unicellulari). Capite bene che l’impianto dell’acqua del camper e il serbatorio sono l’ambiente ideale per la legionella. Come avete letto sopra il bacillo infetta l’uomo tramite aerosol (ad esempio in doccia), quindi non è vero che evitando di bere l’acqua, non si contrae la legionella.  Come si può risolvere il problema o meglio prevenire che si crei il bacillo? Alcuni vi diranno di utilizzare additivi chimici per disinfettare l’acqua dei camper: ad esempio l’Amuchina. Questi additivi possono diventare pericolosi per l’uomo se vengono dosati male e contengono sostanze che agiscono e corrodono le guarnizioni, membrane di gomma, o-ring ed altre parti in gomma molto comuni nei nostri impianti idrici di camper, caravan e barche. L’Amuchina è un ottimo prodotto, ma è nata per altri scopi non quella di trattare l’acqua potabile del nostro camper senza essere dannosa per noi o per l’impianto, visto la quantità che bisogna usarne. Inoltre l’odore di cloro non è sinonimo di disinfezione, ma è la quantità di principio attivo che viene immesso nell’acqua che elimina i batteri. La soluzione arriva da Acquatravel con un primo prodotto il Sanigen che  va usato a seconda dell’uso del camper, ogni sei mesi per garantire la pulizia di tutto l’impianto di acqua potabile dalla formazione del biofilm casa deibatteri e un secondo filtro che si installa a valle della popa ad impatto zero il filtro ANTIBATTERI\LEGIONELLA che con un’azione meccanica elimina tutte le cariche batteriche ivi compresa la legionella senza l’ausilio di prodotti chimici come il cloro “Amuchina”.

La muffa in camper

La muffa si forma quando l’umidità dell’aria raggiunge regolarmente valori troppo elevati e condensa a contatto con le superfici fredde. Nel camper il problema di un’elevata umidità dell’aria si manifesta nelle giornate afose, dopo aver cucinato o fatto una doccia o ancora in inverno. Quando ci accorgiamo della presenza di muffe occorre agire per punti:

  1. Innanzitutto bisogna sempre individuare la causa della muffa ed eliminarla. Le ragioni possono essere molteplici, per questo è bene che le accerti e le risolva uno specialista.
  2. Dopodiché occorre pulire i punti in cui era presente la muffa con un disinfettante specifico, in grado di uccidere e rimuovere le spore.
  3. Se la muffa si è formata anche sui tessili, buttateli via oppure trattateli anch’essi con il disinfettante e lavateli ad almeno 60 gradi.

Per preservare un ambiente salubre si possono utilizzare prodotti come quello delle Deumarine l’ XMOVER

 

Libri di Cristiano Fabris

Scrivere per me è come parlare con tutti voi senza disturbare.
Scopri e acquista la mia raccolta cliccando il pulsante sottostante.

Cristiano
Mi chiamo Cristiano! In questo blog troverai suggerimenti per i tuoi viaggi, aree di sosta e campeggi, la nuova frontiera del glamping, luoghi da vivere da solo, con gli amici o con la tua famiglia e angoli nascosti del nostro Bel Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altri articoli:

Azienda Agricola Gregorini: una sosta in fattoria

Una sosta dalla sig.ra Emilia in fattoria, sul Lago d'Iseo con il camper Non so voi, ma a volte il...

Cervo: la piccola perla ligure

Cervo (IM), una meta romantica per perdersi in un piccolo borgo medievale Nascosto tra la vivace Diano Mariana e San...

Sosta libera nel Parco Nazionale del Cilento

Tre luoghi dove sostare con il camper all'interno del Parco Nazionale del Cilento Che siate amanti della sosta libera o...

Oasi Camping Village Diano Marina (IM)

Un campeggio aperto tutto l'anno in Liguria, con tutti i servizi e comodo per la famiglia Si chiama Oasi Camping...
- Advertisement -spot_imgspot_img

CamperCheck: la domotica entra in camper

CamperCheck, il sistema che porta la domotica in camper: il camper a portata di cellulare Non so voi, ma io...

Scambiamo il camper o moglie/marito?

Il Salone del Camper è un occasione per scambiare il camper o la moglie o il marito? Se pensavate di...

Provato per te:

Sunlight T58: il CamperVan “rassicurante”

Quindici giorni a bordo del SunLinght T58, per le...

Across car: l’evoluzione del VAN

Across Car  il CamperVan con dimensioni di un VAN...

Ti può interessare anche:CORRELATI
Consigliati per te