Dove andiamo: itinerari e giteSette "Angoli Nascosti" dell'Italia da visitare

Sette “Angoli Nascosti” dell’Italia da visitare

-

Luoghi lontani dalla folla, dal turismo di massa, da visitare in moto, in bici, con il camper o la caravan. E perchè no, anche a piedi

Angoli nascosti, li chiamo così quei luoghi da visitare che sono invisibili alla massa. Distribuiti lungo tutto lo Stivale vi porto a conoscerli in bici, auto, moto, con il camper o la caravan e perchè no, anche a piedi. Un’idea per un weekend fuori porta o per una vacanza itinerante.  Siete pronti per scoprire sette angoli nascosti dell’Italia.

  1. Colline Moreniche del Garda: poco affollate, schiacciate tra le tre provincie (Brescia, Verona e Mantova) e come se non bastasse all’ombra del Lago del Garda. Insomma un cuscinetto di territorio isolato, a tal punto che molte strade furono asfaltate solo agli inizi degli anni 70. Eppure questi terriori, sono lo scrigno che conservano le radici dell’unita d’Italia, la storia e i guerre più sanguinose del Rinascimento e nascondono parchi e giardini di una bellezza unica. Il tutto innaffiato dagli vino dei vigneti e dalle coltivazioni di grano, ortaggi e spezie in pochi chilometri di terra.

Colline Moreniche del Garda: un angolo nascosto del nostro Bel Paese

2. Valsugana e Lagorai: siamo nella provincia di Trento, ma quella “bassa” quella al confine del Veneto. Di solito i luoghi nascosti, si trovano schiacciati tra località turistiche più blasonate e anche in questo caso non è un’eccezione. La Valsugana si specchia nelle tranquille acque dei Laghi di Levico e Caldonazzo, dove da maggio a settembre ci si potrà tuffare e praticare numerosi sport d’acqua, come nuoto, windsurf, sci d’acqua, canoa e canottaggio.

Valsugana e Lagorai: lontani dalla confusione

3. Cingoli: il balcone delle Marche. Cingoli è un borgo denominato “il balcone delle Marche”, per via della sua posizione. Arroccato sulla sommità del Monte Circe o Cingulum a 631 m s.l.m., gode di una vista panoramica sulle colline marchigiane e affonda le sue radici addirittura nell’età Eneolitica, ovvero 5.000 anni fa. Cingulum fu fondata nel III secolo a.C. occupando la zona dell’attuale Borgo San Lorenzo e poi fortificata e restaurata, intorno al 60 a.C., da Tito Labieno, cingolano, luogotenente di Cesare in Gallia. Sono proprio le mura medievali quasi del tutte intatte che la rendono affascinante. Ventilata nel periodo estivo, è un piacere perdersi tra le vie silenziose e suggestive del centro.

Cingoli, in balcone delle Marche

4. Acqui Terme: lontano dai luoghi comuni. Ci solo località termali famose per concorsi di bellezza, per essere sulle rive di laghi oppure immerse tra le montagne e poi c’è lei Acqui Terme che lontana dai riflettori, conquista per il suo essere “piemontese”. Scopriamola insieme in un weekend fuori porta, perchè dista 1 ora e mezza da Milano, Torino o Genova. Siamo nella magnifica zona dell’Alto Monferrato, in quella parte collinare della provincia di Alessandria che si stende sotto l’autostrada Torino-Piacenza.

Acqui Terme (AL): lontano dai luoghi comuni

5. Civita di Bagnoregio (VT): nutrire gli occhi e il cuore. Situata sul confine tra l’Umbria e il Lazio, lungo la Valle del Tevere, Civita di Bagnoregio sorge su un colle tufaceo cuneiforme alto 443 metri s.l.m. e stretto fra i due gole, quella del Rio Chiaro e quella del Rio Torbido.Ciò che ha conquistato i  miei occhi è da subito in meraviglioso scenario offerto dalla Valle dei Calanchi e dal borgo che formano uno dei paesaggi più straordinari e unici d’Italia.

Civita di Bagnoregio (VT): nutrire gli occhi e il cuore

6. Dolomiti Lucane: emozionare il cuore e la mente. Avete mai sentito qualcuno dire “l’estate scorsa, ho trascorso le vacanze in Lucania?”. Ecco forse proprio questo isolamento turistico ha preservato la Basilicata dal turismo di massa, rendendola affascinante e dannatamente bella agli occhi miei. Le Dolomiti Lucane, rappresentano il quarto appuntamento per questa rubrica “angolo nascosti”. Siamo nel cuore della Basilicata, equidistanti dalla costa pugliese della provincia di Bari e da quella campana di Salerno.

Dolomiti Lucane: emozionare il cuore e la mente

7.  Weekend Mare e Monti: appennino tosco-emiliano. Percorrete l’autostrada del Sole (la A1 per intenderci), uscite a Reggio Emilia e seguite direzione Rivalta/Castelnovo e dopo pochi chilometri sarete alle porte dell’Appennino Tosco-Emiliano. Ricco di crinali boscosi che separano la Toscana dall’Emilia, ha punti che superano i 2000 metri come le vette dell’Alpe di Succiso, del Monte Prado e del Monte Cusna . In questi luoghi le foreste lasciano il posto alle rocce, ai laghi e alle praterie d’alta quota. Gli Animali come il lupo, il muflone, il capriolo, l’aquila reale nonché rarità botaniche, fanno di queste zone veri e propri giardini botanic

Weekend Mare e Monti

 

Libri di Cristiano Fabris

Scrivere per me è come parlare con tutti voi senza disturbare.
Scopri e acquista la mia raccolta cliccando il pulsante sottostante.

Cristiano
Mi chiamo Cristiano! In questo blog troverai suggerimenti per i tuoi viaggi, aree di sosta e campeggi, la nuova frontiera del glamping, luoghi da vivere da solo, con gli amici o con la tua famiglia e angoli nascosti del nostro Bel Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altri articoli:

5 tappe per 15 giorni tra Piemonte e Liguria

15 giorni per visitare la Liguria e il Piemonte in moto, con la bici, con il caravan o con...

Sosta camper Neive (CN)

Neive (CN), un borgo nel cuore delle Langhe con una comoda ed efficente area camper.  Neive è uno splendido borgo...

Sosta camper Fenis (AO)

Area Camper Fènis, una sosta camper in Val d'Aosta, aperta tutto l'anno e ben organizzata Quando si parla si soste...

E ora parliamo dove e come usare il camper

Cinque punti per inziare con il camper le vacanze. Cosa fare e non fare in campeggio, come e dove...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Agricamp Oroverde: Verona a portata di bici

Agricamp Oro Verde Verona la sosta camper, caravan e tenda, ideale per visitare la città di Verona e il...

Il Salotto del Bubris: Turismo Natura Brescia 2021

Dal 12 al 14 novembre a Turismo Natura, indosserò la parrucca e in onore della Raffaella Nazionale, aprirò i...

Provato per te:

Proviamo un anno la qualità della tenda da campeggio Colifrì

Colifrì è la tenda che si trasporta sul tetto...

Sunlight T58: il CamperVan “rassicurante”

Quindici giorni a bordo del SunLinght T58, per le...

Ti può interessare anche:CORRELATI
Consigliati per te