Consigli in campeggioSette punti per come attrezzare un camper viverci e...

Sette punti per come attrezzare un camper viverci e lavorarci tutto l’anno

-

Sette punti per scegliere il camper ideale per viverci e lavorarci tutto l’anno.

Il 9 settembre saranno sette anni che vivo e lavoro in camper. Ho percorso più di 700.000 km, attraversato oltre 20 Paesi e cambiato due camper. Credo di non peccare di presunzione se posso dire la mia, su quale camper scegliere per viverci e come attrezzarlo. Alla base di ogni scelta, ci sono sempre e comunque le proprie esigenze.

1.QUALE MODELLO SCEGLIERE: un camper se usato tutto l’anno dovrebbe poter avere un consumo non eccessivo di carburante (non solo aerodinamico, ma anche con un corretto rapporto peso/potenza) e dimensioni contenute. La partita necessariamente si gioca tra CamperVan, Van e Semintegrali che oscillano tra i 5 metri e mezzo e i sei metri e mezzo.Ricordate che un letto sempre pronto vi risolve molti problemi di praticità, se poi è basculante una volta che lo sollevate avrete tutto il camper a vostra disposizione. Il gavone/garage, un utile contenitore, fate il modo da portervi accedere anche dall’interno della cellula (l’inverno è freddo per uscire il ciabatte a prendere la bottiglia di vino lasciata in garage). Infine la doccia separata: visto che in bagno non credo che farete i party, ha senso averlo unico, con la possibilità di crearvi un box doccia separato, in modo da riporre gli indumenti asciutti durante la doccia.

2. IL RISCALDAMENTO e L’ARIA CONDIZIONATA: una delle regole che ho imparato e avere sempre un piano B. Questo significa che oltre la Truma classica di serie, un impianto di riscaldamento a gasolio che ti permette maggiore autonomia. Per il caldo estivo, visto che vi troverete spesso a non essere collegati alla rete 220, la soluzione è un raffrescatore evaporativo che vi permette di non dormire e pranzare senza sudare

3. BOMBOLONE O BOMBOLA RICARICABILE: avendo un veicolo compatto e che occorre non caricare troppo di peso, la bombola ricaricabile omologata è la soluzione migliore rispetto al bombolone

4. L’AUTONOMIA ENERGETICA: anche in questo caso l’obiettivo è contenere i pesi e gli imgombri. Se ne deduce che la batteria al Litio e pannello solare come minimo da 180 watt, garantiscono una buona riserva energetica anche peer diversi giorni di sosta. Un ulteriore aiuto è l’installazione di LED a basso consumo. Inoltre installate un Inverter da almeno 2000 watt, vi permetterà di poter usare un piastra ad induzione e così avere il piano B anche in cucina. 

5. IL FRIGORIFERO: se si decide di vivere tutto l’anno in camper è necessario avere un frigorifero che funzioni correttamente e in modo efficiente 365 giorni all’anno. Il frigo trivalente per quanto molto versatile nell”uso non garantisce piena efficienza in situazioni di caldo eccessivo. Inoltre se non automatico, occore ricordarsi di commutare l’alimentazione da gas, batteria o 220 volt. Il frigo a compressore funziona sempre alimentato dalla batteria, non ha un consumo eccessivo della stessa, raffredda molto più velocemente e ha un congelatore di dimensioni casalinghe pur avendo ingombri esterni ridotti 

6. PIEDINI ELETTROIDRAULICI: se non siete stanziali, vi troverete a dormire in diversi luoghi e su diversi terreni. Avere in camper il più in piano possibile, oltre a farvi dormire meglio, permette il funzionamento più corretto delle utenze, lo scarico del piatto doccia è sempre perfetto. Inoltre installare i piedini elettroidraulici, consente di montare le catene da neve molto più facilmente, di scaricare completamente il serbatoio delle acque inclinando il veicolo e in caso di sosta si può sollevare il camper completamente. Ovviamente in quest’ultimo caso sarete multabili da un vigile, ma sarete certi che difficilmente il camper vi verrà rubato 

7. RISERVA IDRICA: visto gli ingrombri e il peso, piuttosto che installare un doppio serbatoio sia di carico che di scarico, vi suggerisco di ottimizzare il consumo dell’acqua con gli economizzatori di consumo. Inoltre avere a bordo un piccolo generatore di ozono, vi garantirà di avere l’acqua sempre batteriologicamente pulita. 

Libri di Cristiano Fabris

Scrivere per me è come parlare con tutti voi senza disturbare.
Scopri e acquista la mia raccolta cliccando il pulsante sottostante.

Cristiano
Mi chiamo Cristiano! In questo blog troverai suggerimenti per i tuoi viaggi, aree di sosta e campeggi, la nuova frontiera del glamping, luoghi da vivere da solo, con gli amici o con la tua famiglia e angoli nascosti del nostro Bel Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altri articoli:

Perchè ho installato le sospensioni ad aria sul camper

Sospensioni ad aria Goldschimitt: come funzionano su strada e perchè montarle. Una delle maggiorni differenze alla guida di un camper,...

Camping Lo Schioppo: la farfalla in veranda.

Un campeggio immerso nel verde, dove rifugiarsi per trovare fresco e tranquillità. Indossate un paio di scarpe comode e...

Fabio Viviani, l’uomo con il cromosoma H20

Chi è Fabio Viviani di Acquatravel e che cosa ho imparato da lui sul trattamento dell'acqua in camper e...

Riva mare in camper nelle Marche

  Due soste camper riva mare, nelle Marche, ideali per tutta la famiglia. Una delle domande più frequenti sono "mi suggerisci...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Camper o caravan? La scelta è solo vostra

Camper vs Caravan: sette pro e contro da chi nell'indecisione, li usa entrambi. Da piccolo mi chiedevano " vuoi più...

5 soste riva mare in Sicilia

Cinque soste riva mare in Sicilia da vivere con il camper, il caravan o con la tenda. La Sicilia è...

Provato per te:

S-moove e Colifrì: come ti creo il Glamping Light

Metti insieme un sistema di moduli per arredare il...

Proviamo un anno la qualità della tenda da campeggio Colifrì

Colifrì è la tenda che si trasporta sul tetto...

Ti può interessare anche:CORRELATI
Consigliati per te