Coronavirus: cos’è e come difendersi

Tra leggende metropolitane e verità: tutto sul Coronavirus

Il Coronavirus 2019-nCoV, isolato recentemente in Cina, appartiene a una vasta famiglia di virus che causa varie malattie: dal semplice raffreddore a patologie più gravi. In generale i coronavirus causano febbre, tosse, difficoltà respiratoria. Nei casi più gravi polmonite e sindromi respiratorie gravi. Il nuovo Coronavirus 2019-nCoV presenta sintomi molto simili a quelli della comune influenza. Solo il 5% dei contagiati sviluppa una polmonite seria e tutti, perfino i malati gravi possono guarire. Il tasso di mortalità più alto (3%) si è registrato in Cina nelle zone in cui i sistemi sanitari non sono riusciti ade essere particolarmente efficaci, per contro nei paesi – come il nostro – dove le strutture sanitarie sono efficienti la percentuale scende allo 0,7%.
Il Coronavirus può essere trasmesso da persona a persona, di solito dopo un contatto stretto con un paziente infetto, ad esempio tra familiari o in ambiente sanitario. Il contagio avviene tramite le goccioline emesse durante la respirazione, un colpo di tosse o starnuto. Possono arrivare a 1,5-2 metri di distanza. I virus non permangono a lungo nell’aria (meno di un minuto) ma possono depositarsi sulle mani, ad esempio quando le usiamo come scudo per un colpo di tosse o uno starnuto, o sugli oggetti. Per questo un a delle prime e più importante regole di igiene è lavarsi bene e frequentemente le mani. I virus per sopravvivere hanno bisogno di un ospite perché al di fuori di un organismo muoiono nell’arco di ore o al massimo alcuni giorni. In virtù di ciò anche gli alimenti sono sicuri, ovviamente previa cottura. Il tempo di permanenza del nuovo coronavirus sugli oggetti ad oggi non è noto, ma si stima al massimo intorno a qualche giorno, nella peggiore delle ipotesi. Gli esperti stimano che l’epidemia durerà diverse settimane – anche per il difficile isolamento dei casi accertati e l’impossibilità di isolare i portatori sani non noti – bisogna però dire che il virus potrebbe avere un andamento stagionale , come raffreddore ed influenza, e quindi con l’arrivo della bella stagione si dovrebbero ridurre di molto le infezioni. E’ infine possibile che il coronavirus diventi una presenza stabile e che il nostro sistema imunitario, a poco a poco, impari a difendersi meglio. Non esistono farmaci di prevenzione, l’unica strategia è quella di evitare il contagio attuando tutte le misure d’igiene e fare in modo di avere un sistema immunitario al massimo grado di efficienza. Quindi la raccomandazione primaria resta sempre e comunque un alto grado di igiene e se non sei riuscito a procurati un gel disinfettante per le mani ecco qui di seguito la ricetta del “fai da te” redatta dall’OMS.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *