Itinerari in ItaliaArgentario e Maremma Grossetana

Argentario e Maremma Grossetana

-

L’Argentario è l’anello di congiunzione tra la Toscana e il Lazio, una terra di confine trai due vecchi Stati Pontificio e Gran Ducato di Toscana, che conserva una straordinaria bellezza naturale. Seguitemi

Una delle mete che mette d’accordo chi arriva da nord e chi arriva da sud è la Toscana, in particolar modo l’Argentario. Di fatto la Maremma Grossetana, dista cinque ore da Torino o Milano e 5 ore da Napoli. E’ quel tratto di costa dove termina la Toscana e inizia il Lazio.  Ve la suggerisco se amate il mare, la spiaggia ampia e non affollata, il trekking e una pedalata in mezzo alla natura.

La strada Panoramica. Questa strada costeggia la parte del promontorio che si affaccia sul mare aperto e va da Porto Santo Stefano a Porto Ercole. Ogni volta che la percorro  in bicicletta, trovo un punto nuovo da fotografare.

A caccia di calette. Se come a me, non vi spaventa passeggiare partite a piedi da Santo Stefano, infilatevi scarpette comode, acqua, frutta e magari un panini e addentratevi nella macchia mediterranea. Spingetevi seguendo la costa e raggiungete una delle tante calette del promontorio. Qui troverete poca confusione e l’acqua trasparentissima. La prima che incontrerete è Cala Grande, che si riconosce molto bene per il gran numero di barche che vi ormeggiano davanti e che si raggiunge, seguendo un sentiero molto ombreggiato per circa 500 mt. La cala è formata da tre spiagge, scegliete la vostra e godetevi con tranquillità un bel bagno. Più avanti seguendo le indicazioni Hotel Cala Piccola si arriva all’omonima cala. Più impegnativa (ma è anche la mia preferita!) come strada, è quella che vi porta a Cala del Gesso, all’altezza del km 5,9 della Panoramica.  Dalla parte di Porto Ercole invece, superato il paese e sempre sulla Panormanica si trova la Spiaggia Lunga. E’ sufficiente seguire le indicazioni per il Forte Stella e poco prima dell’arrivo prendere delle scalette che entrano nella macchia. I vi suggerisco di arrivare poco prima dell’Hotel “Il Pellicano” e facendo un sentiero si arriva a l’Acqua Dolce, così chiamata per delle falde sotterranee che sfociano direttamente a mare.

I due Porti: Porto Ercole e Porto Santo Stefano

Antico borgo di pescatori posto sul lato meridionale del promontorio, Porto Ercole oggi è divenuta una famosa località di vacanze estive. Senza dubbio la parte antica è quella più affascinante perchè “sorvegliata” dalle poderose fortezze costruite al tempo dei Presidi Spagnoli. Il cuore storico sotto la Rocca, è percorribile solo a piedi, ed ha mantenuto intatto l’architettura e l’atmosfera dei secoli passati. Perdetevi tra i suoi vicoli, le sue viuzze, le piazzette affacciate sul mare e le scalinate perchè è davvero molto suggestiva. Porto Santo Stefano è invece il principale centro abitato del Monte Argentario. Si sviluppa a ridosso del porto commerciale del Valle e del porticciolo turistico della Pilarella. Sede del Comune di Monte Argentario e del porto da dove partono le imbarcazioni per le isole del Giglio e di Giannutri, è l’altro borgo marinaro del promontorio. Una bella e tranquilla passeggiata sul lungomare (disegnato da Giorgetto Giugiaro) e un buon aperitivo al tramonto al porto. e con i piccoli una visita all’Acquario del Mediterraneo

Curiosità dall’Argentario: poco prima di arrivare a Porto Ercole fate una deviazione per la spiaggia della Feniglia, dove troverete una  riserva naturale. Vi consiglio di  attraversarla a piedi o in bicicletta all’ombra dei pini. Non è difficile che vi troverete fiancheggiati da daini e il rumore dei grilli e delle cicale si confonderà con le onde dal mare. Forse non tutti sanno ma i qui, nel 1609 fu trovato il corpo di Michelangelo Merisi detto il Caravaggio, che morirà poco dopo nell’Ospedale di Porto Ercole.

Dove sostare con il camper, la caravan o la tenda?  Ci sono ben 10 campeggi ad Albinia, tutti in riva al mare, con servivi per i più piccoli. Alcuni con possibilità anche per gli amici a 4 zampe di stare comodi. Qui trovate l’elenco. 

Credits alcune foto: maremma grossetana

 

Libri di Cristiano Fabris

Scrivere per me è come parlare con tutti voi senza disturbare.
Scopri e acquista la mia raccolta cliccando il pulsante sottostante.

Articolo precedenteLe tre Venezie in camper
Articolo successivoStreet Style al Pitti Uomo 2019
Cristiano
Mi chiamo Cristiano! In questo blog troverai suggerimenti per i tuoi viaggi, aree di sosta e campeggi, la nuova frontiera del glamping, luoghi da vivere da solo, con gli amici o con la tua famiglia e angoli nascosti del nostro Bel Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altri articoli:

5 tappe per 15 giorni tra Piemonte e Liguria

15 giorni per visitare la Liguria e il Piemonte in moto, con la bici, con il caravan o con...

Sosta camper Neive (CN)

Neive (CN), un borgo nel cuore delle Langhe con una comoda ed efficente area camper.  Neive è uno splendido borgo...

Sosta camper Fenis (AO)

Area Camper Fènis, una sosta camper in Val d'Aosta, aperta tutto l'anno e ben organizzata Quando si parla si soste...

E ora parliamo dove e come usare il camper

Cinque punti per inziare con il camper le vacanze. Cosa fare e non fare in campeggio, come e dove...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Agricamp Oroverde: Verona a portata di bici

Agricamp Oro Verde Verona la sosta camper, caravan e tenda, ideale per visitare la città di Verona e il...

Il Salotto del Bubris: Turismo Natura Brescia 2021

Dal 12 al 14 novembre a Turismo Natura, indosserò la parrucca e in onore della Raffaella Nazionale, aprirò i...

Provato per te:

Proviamo un anno la qualità della tenda da campeggio Colifrì

Colifrì è la tenda che si trasporta sul tetto...

Sunlight T58: il CamperVan “rassicurante”

Quindici giorni a bordo del SunLinght T58, per le...

Ti può interessare anche:CORRELATI
Consigliati per te