Consigli in campeggioSette caratteristiche per essere una sosta TOP

Sette caratteristiche per essere una sosta TOP

-

Sono sette e sono le caratteristiche che noi campeggiatori amiamo e desideriamo trovare in una struttura. Cosa ne pensate?

La prima domanda  che mi viene fatta dai proprietari di campeggi, aree di sosta o da chi vuole aprire un’area camper, è: quali caratteristiche e servizi deve avere una bella area attrezzata per il camper, la caravan o la tenda? Innanzi tutto definiamo bene che le esigenze del campeggiatore dipendono dalla veicolo o dalla soluzione con cui si pratica la vacanza e dalla durata della stessa. Suggerisco di offrire un servizio base della sosta ad un prezzo contenutissimo (ad esempio 10 o 15 euro solo per sostare con sicurezza l’equipaggio di due persone e far uso dei bagni) e lasciare decidere al campeggiatore ogni servizio in più. In fondo il campeggio è libertà e quindi anche scegliere se avere o meno un servizio. Fatto questo preambolo diciamo quali dovrebbero essere i servizi per definire una “bella area camping

1- la navetta.

I possessori di caravan o di tenda, non la vedono una caratteristica fondamentale, perchè hanno la propria auto per visitare il territorio. Diverso è invece l’approccio per chi ha il camper. In questo caso la navetta è un servizio molto comodo e fondamentale per visitare il territorio o per raggiungere la spiaggia o le piste da sci. Per il costo se stabilite un importo a testa ad esempio di 8 euro per 15 km e la navetta ha 8 posti, magari se c’è un gruppo, non fate pagare 64 euro, ma un forfait. Altrimenti verrebbe da chiedervi di effettuare 8 viaggi separati.

2. le toilettes

Sono sicuramente un plus molto cercato dai campeggiatori. Obbligatori per i caravanisti e i possessori si carrelli a tenda e semplici tende, i bagni meritano un po’ di attenzione. Intanto che siano riscaldati se decidete di aprire l’attività d’inverno e che abbiano l’asciugacapelli. Un oggetto della disputa tra campeggiatori, sono le gettoniere per l’acqua calda. Stabilito che ci sono “geni del crimine idiota” che forano il gettone (costo 1 euro solitamente) con una punta per poi passare un filo, sperando di recuperare il gettone per la doccia successiva e invece bloccano la gettoniera, dicevo stabilito questo l’erogazione dell’acqua calda rientra in quei servizi che sarebbe meglio erogare compreso nel prezzo e magari con un tasto dell’acqua a pressione o a fotocellula, in modo da ottimizzare il consumo dell’acqua.

3. energia elettrica e carico e scarico delle acque

Ogni piazzola dovrebbe avere il proprio attacco in modo da non trovarsi metri e metri di fili di corrente che attraversano le piazzole. E’ uno di quei servizi che se desiderate avere un turismo meno mordi e fuggi, è fondamentale.  Considerate che spesso i camper e le caravan sono dotate di condizionatore o di piastre ad induzione per cucinare e quindi i 3kw potrebbero risultare insufficienti. Per il carico e scarico delle acque,  sarebbe auspicabile in una zona ampia per la manovra, priva di muretti o di pali, separata e lontana dalle piazzole.

4. il piccolo market del campeggiatore

Tende, caravan o camper necessitano di alcuni accessori che tutti possiedono, ma che a volte si dimenticano in giro durante una sosta o si rompono in vacanza. Fate un piccolo espositore del campeggiatore, con questi articoli e coinvolgete, ad esempio, un rivenditore di zona per lasciarvi in conto-vendita: picchetti, martello, corde, anelli di gomma per ancorare le verande o tende al terreno, cunei livellatori del camper, prese elettriche (quelle che vanno bene alle vostre colonnine), pile a stilo e micro stilo che servono per le torce e soprattutto i dispositivi elettrici in camper, fusibili di differente amperaggio e forma, disgreganti per il wc e carta igienica.

5. le piazzole

L’ideale sarebbe avere i pannelli solari sopra le piazzole, questo permette di avere l’ombra e la copertura da intemperie. In alternativa considerate che il campeggiatore cerca l’ombra d’estate per la sosta della propria casetta: che sia una pianta o una struttura a teli, l’ombra è una caratteristica molto ben voluta. Diverso il discorso sul terreno: l’asfalto ovviamente è comodo da tenere in ordine, ma non adatto a chi possiede la tenda e d’estate diventa rovente. Ideale è usare la ghiaia grossa bianca per il corridoio di accesso, così quando piove l’acqua drena nel terreno e non crea fango e l’erba dove aprire la veranda o piazzare la tenda. Mi raccomando il terreno delle piazzole sarebbe meglio averlo livellato  in piano. Un altro punto da tenere presente se si ospitano i camper, è la grandezza della piazzola: la lunghezza media dai 6 a 7 metri, oltre considerate per camper taglie XL oppure con appendici ingombranti come il portamoto. Inoltre la larghezza deve permettere di poter aprire la veranda e garantire la privacy: almeno 5 metri di larghezza. Per i caravanisti invece sarebbe ottimale poter parcheggiare la propria auto in piazzola accanto alla caravan e sempre presente in piazzola anche la colonnina per il carico dell’acqua e il tombino per lo scarico delle acque grige.

6 I dettagli che fanno la differenza

Piccoli grandi dettagli che testimoniano la cura per gli ospiti? Tipo la colazione con caffè e brioches il primo giorno, oppure il giornale quotidiano fuori dal camper o ancora i luoghi dove lavare Fido oppure la propria bicicletta, o ancora l’area giochi per i piccoli, o la zona picnic con tavoli e dove grigliare la carne e la verdura, sono solo alcuni degli esempi. Potrei continuare con una cartina del luogo (fatta a mano!) dove indicare le piste ciclabili, i negozi di prima necessità, la farmacia o il veterinario, gli orari dell’autobus e come e dove acquistare il biglietto. Questi sono i dettagli che fanno la differenza.

6. La cortesia e disponibilità

E’ forse l’ingrediente più importante è quello che ti fa tornare anche se hai avuto qualche problema, perchè la cortesia (tradotta nel sorriso) unita alla disponibilità (tradotta nell’ascoltare le esigenze del campeggiatore e trasformarle la stagione successiva in realtà), fanno la differenza da chi resta immobile nel proprio “fortino”.

 

 

Libri di Cristiano Fabris

Scrivere per me è come parlare con tutti voi senza disturbare.
Scopri e acquista la mia raccolta cliccando il pulsante sottostante.

Avatar photo
Cristiano
Mi chiamo Cristiano! In questo blog troverai suggerimenti per i tuoi viaggi, aree di sosta e campeggi, la nuova frontiera del glamping, luoghi da vivere da solo, con gli amici o con la tua famiglia e angoli nascosti del nostro Bel Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altri articoli:

Weekend a Pesaro in camper

Un weekend in camper a Pesaro, angolo nascosto del nostro Bel Paese Metti caso il caso di un week end...

Vernici MILESI: IL MINI CARAVAN COMPATTO DALL’ANIMA GREEN.

LE VERNICI MILESI PER UN PROGETTO DI MOBILITÀ SOSTENIBILE: CARAPATE, IL MINI CARAVAN COMPATTO DALL’ANIMA GREEN. Per garantire dei progetti...

Amplo: 4 anni di stabilità

Dopo 4 anni di utilizzo, vi racconto la mia esperienza con i piedini elettroidraulici AMPLO installati sul mio CamperVan Ci...

Weekend a Salerno in camper o caravan

Una meta per un weekend fuori stagione? Vi porto a Salerno, una città ricca di storia, buona cucina e...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Il camper a caccia di mercatini dell’antiquariato

Sette mercatini dell'antiquariato imperdibili da fare con il camper o il caravan al seguito. Se avete la passione dell'antiquariato, di...

Mercatini di Natale 2022: i più belli da fare in camper

Dalla Val d’Aosta sino alla Sicilia, tutti i Mercatini di Natale da non perdere il prossimo Natale Partendo dalla Val...

Provato per te:

S-moove e Colifrì: come ti creo il Glamping Light

Metti insieme un sistema di moduli per arredare il...

Proviamo un anno la qualità della tenda da campeggio Colifrì

Colifrì è la tenda che si trasporta sul tetto...

Ti può interessare anche:CORRELATI
Consigliati per te