Mondo camper 5 modi per risparmiare in camper

5 modi per risparmiare in camper

-

Spesso mi viene chiesto: quanto costa mantenere un camper.  Sicuramente come tutte le passioni, ha un costo, ma qualche attenzione e il coraggio di fare scelte controcorrente, aiutano a diminuire i costi e a volte a trarne anche un vantaggio. La prima cosa è capire se siamo pronti a usare un camper al posto dell’auto, quindi non andare oltre sei metri di lunghezza e vivere la comodità/scomodità tutti i giorni di un camper su strada. Ciò significa fare la spesa, andare in palestra, portare i bambini a scuola, andare dal medico, a cena con amici, tutto con il camper. Per poi scoprire, che in realtà tutto questo di può fare  lo stesso, con pregi e difetti. Si impara a usare i mezzi pubblici se si abita in grandi città, a usare servizi di car-sharing, la bicicletta anche se piove e l’auto diventa un ricordo . Sin qua, è una questione di possibilità e volontà di scelte personali oltre al risparmio del costo di un doppio veicolo: vendo l’auto e uso solo il camper. Nella realtà esistono altre piccole attenzioni molto più semplici da fare, per ridurre il costo del viaggio e la manutenzione. Accorgimenti che permettono di trovarsi in tasca qualche euro in più per le vacanze o per comprarsi l’accessorio desiderato.

  • minor peso = minor consumo. Partendo da questa equazione, ogni oggetto, attrezzatura e liquidi devo no essere ridotti. Si avete capito bene, anche i liquidi. Il serbatoio dell’acqua se non è necessario non riempiamolo sino al limite di 100 litri, tanto all’arrivo c’è l’area attrezzata dove far rifornimento di acqua. Quando avete 30/40 litri sono più che sufficienti. Stesso discorso in dispensa: evitiamo scorte come se partissimo per il Sahara, perché la pasta, l’acqua e i generi di prima necessità si trovano nelle destinazioni di un weekend.
  • Il gavone/garage è come dicevano i latini, il rifugio “peccatorum” del camper: metti tutto li tanto c’è spazio. Così al 3 di luglio, ti dimentichi di avere gli scarponi da sci, o al 10 dicembre scopri di avere ancora l’ombrellone da spiaggia. Io vi consiglio di seguire la massima “tutto ciò che non usi da un’anno, vuol dire che non è necessario: quindi lascialo a casa”.
  • La spesa più significativa in una gita in camper è il gasolio e l’autostrada. Per abbattere questo costo ci viene in aiuto la piattaforma di www.blablacar.it . Si condivide il viaggio con altre persone che hanno la tua stessa destinazione: in questo modo si conoscono nuove persone, si creano opportunità lavorative, si apre la mente verso nuove idee e nascono nuove amicizie. Il tutto senza annoiarsi in viaggio e abbattendo il costo sino al 70%.
  • Oblò, spoiler e box: può sembrare una stupidaggine, ma ogni appendice esterna che crea attrito genera un aumento dei consumi. Quindi gli oblò e gli spoiler vanno chiusi e se proprio non è necessario il box sul tetto evitiamolo per un weekend.
  • L’ultimo consiglio è diretto a noi ometti che ci sediamo alla guida e pensiamo che il camper sia uguale all’auto che usiamo tutti i giorni. Ci sono molte differenze che ve ne parlerò prossimamente, ma con riferimento al risparmio, considerate che il camper per quando veloce e rapido non raggiunge i livelli di un’auto sia nelle accelerazioni sia nella ripresa. Il camper ha un motore di un veicolo commerciale, che lavora anche ai bassi numeri di giri, quindi per ridurre i consumi evitate di tirare le marce, siate dolci nelle accelerazioni e nell’uso del cambio. Se poi volete abbattere i consumi in modo ulteriore, un esperimento fatelo con un pieno di gasolio rispettando i limiti e velocità. Ci scommetto una pizza che risparmierete almeno il 10%.

 

Cristiano
Mi chiamo Cristiano! In questo blog troverai suggerimenti per i tuoi viaggi, aree di sosta e campeggi, la nuova frontiera del glamping, luoghi da vivere da solo, con gli amici o con la tua famiglia e angoli nascosti del nostro Bel Paese.

3 Commenti

  1. Vero tutto….comunque io vivo in camper su un 8,5 metri….ho due bici e per il resto mezzi pubblici o a piedi. Sono andata persino all’ospedale col camper mio marito è rimasto fuori tre giorni parcheggiati ad aspettarmi….tutto si può fare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Altri articoli:

Thetford diventa più Social, con la propria pagina Facebook

Thetford Italia inaugura la propria pagina Facebook e lancia il suo primo evento online per il 25 aprile Dal 25...

Dove possiamo andare con il camper, dopo il 26 aprile 2021

Cosa possiamo fare e dove possiamo andare con il camper o la caravan dopo il 26 aprile?  E' stato approvato...

Perchè una vacanza con la roulotte?

Dieci motivi per amare la caravan in vacanza Esiste la casa, l'albergo, il villaggio vacanza, il bungalow e poi Lei,...

Polydrop P17A: la caravan per l’auto elettrica

Si chiama Polydrop P17A è una roulotte creata per viaggiare agganciata ai veicoli elettrici. Scopriamone i dettagli. La linea rischiama...
- Advertisement -

Grotte di Castelcivita e Velia: angoli nascosti del Cilento

Due angoli nascosti del Cilento: Grotte di Castelcivita e Velia (SA) Del Cilento ve ho già parlato QUI, ma quello...

Marina di Camerota in camper, caravan o tenda.

Marina di Camerota, una delle perle del Cilento. Seguitemi Tra le perle del Cilento c'è verso la fine, al confine...

Provato per te:

Sunlight T58: il CamperVan “rassicurante”

Quindici giorni a bordo del SunLinght T58, per le...

Across car: l’evoluzione del VAN

Across Car  il CamperVan con dimensioni di un VAN...

Ti può interessare anche:CORRELATI
Consigliati per te