la tecnica in camperInverno in camper o in roulotte: 5 consigli come...

Inverno in camper o in roulotte: 5 consigli come affrontarlo

-

5 consigli per affrontare l’inverno con il camper e la caravan: dalle coperture alla tipologia di impianto

La stagione invernale è alle porte e per chi possiede il camper o una caravan, ecco qualche consiglio sia parcheggia in camper o la roulotte in rimessaggio, sia se si continua a usarlo. Iniziamo da chi decide di rimessare fermandone l’uso.

  1. la copertura integrale per caravan e camper: esistono diversi prodotti sul mercato. Io vi suggerisco di acquistare i teli integrali di Con.Ver. Oltre alla caravan, anche il timone va coperto e i pneumatici. QUI potete trovare alcune soluzioni ideali.
  2. Se invece la roulotte è sistemata in un campeggio e coperta, vi suggerisco le coperture che ho comprato per la mia vintage “Nocciolina”. Si tratta di cover esterne per le finestre, realizzate su misura con elastici e ideali per preservare le finestre e garantire una temperatura maggiore all’interno

Discorso diverso se utilizzare il Veicolo Ricreazionale anche nel periodo invernale. Innanzi tutto cambiano le coperture da utilizzare

  1. Con la roulotte è fondamentale capire se si vuole fare sosta libera o nei campeggi. Nel primo caso l’autonomia energetica e quella per riscaldare, dovrà essere adeguata. Ergo camperizzare la roulotte con batteria, pannello solare e almeno un riscaldatore a gasolio. Se invece ci si rivolge a campeggi, informatevi che vi sia un servizio di consegna di bombole in campeggio. Un’alternativa può essere l’installazione di pannelli radianti che collegati alla corrente elettrica garantiscono un ambiente confortevoli. In extremis, la soluzione più economica e semplice è la classica stufetta, che si suggerisco a olio e con potenza non superiore a 500/600 watt per non gravare in modo eccessivo sulla colonnina elettrica del campeggio.
  2. Con il camper il primo punto da tenere presente è l’impianto di riscaldamento all’interno del veicolo. Ci sono quattro alternative:  riscaldamento ad acqua, riscaldamento con stufa alimentato dal gas, riscaldamento con pannelli radianti e riscaldatore a gasolio. Di norma i camper adottano la stufa alimentata a gas unita all’aria forzata come impianto base: il gas può essere stoccato con bombole sia in metallo sia in vetroresina, oppure con la bombola ricaricabile. Il riscaldamento a gasolio invece è più raro trovarlo di serie sui veicolo. Viene spesso installato come “un di più” rispetto all’impianto a gas, perchè è in grado di offrire maggiore autonomia in caso di sosta, utilizzando il carburante del serbatoio del camper. La terza soluzione ancora poco diffusa sono i pannelli radianti che per motivi di peso e ingombro, molti scelgono di non installarli. Infine il riscaldamento ad acqua (conosciuto con il nome ALDE) è riservato a veicoli di fascia molto alta e necessita di una manutenzione accurata e costante. Quest’ultima tipologia non viene installata a posteriori sul camper.
  3. Le coperture invernali in camper. Ci sono tre modi differenti di garantire un buon isolamento dal freddo, perchè è fondamentale far restare “fuori” il freddo dal camper per consumare meno carburante (gas o gasolio) per riscaldare il camper e se il riscaldamento funziona di meno, anche l’impianto elettrico funziona meno ergo maggiore autonomia della batteria. Il luogo più freddo è la cabina per via dei ponti termici di vetro e metallo. Per ovviare a questo problema si possono usare le coperture termiche che si dividono in 3 moduli:  il copricruscotto, il copri parabrezza interno o esterno e la copertura integrale esterna.

Sulla mia esperienza di vita in camper, posso dire che le tre suddette coperture si utilizzano in base a due fattori: quanto tempo si ci ferma e la temperatura esterna. Il copricruscotto lo utilizzo sempre (sia nel periodo estivo, che in quello invernale) e con qualsiasi temperatura.  Rispetto alla copertura del parabrezza ha il pregio di non farmi uscire per rimuovere la copertura, è più piccolo da sistemare una volta, blocca il freddo dalle bocchette di areazione (che se anche chiuse o inserendo il ricircolo, non hanno una chiusura ermetica), dai comandi di guida e dal cruscotto. Se la temperatura scende tra i 5 e -5 gradi e mi fermo sono una notte o al massimo due, abbino la copertura del parabrezza interno. Se invece resto fermo una settimana con temperature abbondanti sotto lo zero, oltre al copricruscotto, al parabrezza interno, installo anche il parabrezza esterno integrale che copre anche la zona motore della cabina.

Ricordate che se avete un garage con passaggio interno per la cellula, usate il più possibile, la porta del garage per entrare nel camper, in modo che non fate “entrare” freddo dalla porta di ingresso principale e in più lasciate le scarper il garage e non sporcate il camper.

Libri di Cristiano Fabris

Scrivere per me è come parlare con tutti voi senza disturbare.
Scopri e acquista la mia raccolta cliccando il pulsante sottostante.

Cristiano
Mi chiamo Cristiano! In questo blog troverai suggerimenti per i tuoi viaggi, aree di sosta e campeggi, la nuova frontiera del glamping, luoghi da vivere da solo, con gli amici o con la tua famiglia e angoli nascosti del nostro Bel Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altri articoli:

Terme Margherita (PD): in camper alle terme

In camper alle terme nelle colline Euganee a pochi chilometri da Padova.  Terme e Camper, un binomio che piace tutto...

Cascina Ravelli: una sosta in cascina

Cascina Revelli, una sosta nelle Langhe in camper o in tenda Immersi tra le colline delle Langhe, non distante dalla...

Lago d’Idro e Chianti, il Glamping Invernale.

Nel cuore delle Toscana e sulle rive del Lago d'Idro, due luoghi dove vivere in Glamping in inverno. Si chiama...

ALESTE, una sosta camper con le terme, approvata dal Boss delle vacanze

ALESTE area camper, aperta tutto l'anno nel cuore della Val Formazza, in Piemonte con le terme.  Una sosta camper dove...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Volantex: saccoletto, fodere e cover su misura per il camper e la roulotte

Saccoletto di Volantex è la soluzione perfetta per il letto in camper e in caravan      Camper e caravan...

S-moove e Colifrì: come ti creo il Glamping Light

Metti insieme un sistema di moduli per arredare il Van e poi una tenda da campeggio che si trasporta...

Provato per te:

S-moove e Colifrì: come ti creo il Glamping Light

Metti insieme un sistema di moduli per arredare il...

Proviamo un anno la qualità della tenda da campeggio Colifrì

Colifrì è la tenda che si trasporta sul tetto...

Ti può interessare anche:CORRELATI
Consigliati per te