Cosa fare in camper o in casa

Il Coronavirus ci ha segregato in casa o nel camper e allora scopriamo cosa fare quando si è isolati o obbligati a stare in casa.

Ormai è chiaro a tutti che occorre “stare a casa” oppure se si è fermi con il camper lontani dalla propria casa, stare “in camper” e limitare o azzerare in entrambi i casi i rapporti sociali con altri persona.  E’ l’unico modo per non diffondere ulteriormente il virus e mettere a repentaglio se stessi, i proprio cari e chi ci circonda. E allora cosa fare in casa o in camper durante questa “sosta forzata”? Di seguito vi suggerisco alcune idee

Cosa fare in casa quando si è bloccati

  1. Una volta si diceva “fai le pulizie di primavera?”, ecco sarebbe l’occasione per aiutare la vostra moglie a fare le pulizie a fondo dei mobili in cucina (lassù sopra i pensili occorre lavare e poi come facevano i nonni, mettere i fogli del giornale per facilitare il prossimo lavaggio), sistemare lo sgabuzzino che è diventato il rifugio peccatorum di casa, mettere in ordine nelle libreria dove ci sono ancora i regali di Natale 2018 dei colleghi non ancora aperti e poi il letto a contenitore comodo, ma sotto è diventato la tomba di Tutankhamon tra pigiami (mai messi), scatole delle scarpe, piumoni  e coperte.  

2. Affrontiamo la cantina o la soffitta: li dove neppure il Coronavirus osa entrare, dove si sono annidati anni di cose inutile di “tienilo può sempre servire”, si accende una timida luce e ti mostra solo la prima parte del mondo sommerso delle cantine. Magari ne approfittiamo per dare anche un’imbiancata ai muri, tanto nel grosso supermercato c’è il reparto bricolage casa e una latta di vernice bianca con un pennello si trova.

3. L’armadio. “La giacca della maturità! Peccato che la maturità all’epoca si esprimeva in sessantesimi quindi quella giacca forse è il caso di toglierla dall’armadio. Tanto se per caso dovessi ridare la maturità arriveresti con il giaccone, la maglia della salute e il cappello. Approfittate per vedere cosa c’è ancora che va bene, quei capi consumati o infeltriti e quelli che vanno stretti.

4. L’orlo! Si avete capito bene, fate l’orlo a quelle cose che non avete mai avuto tempo. Ad esempio quel paio di pantaloni che vi ostinate a portare con il risvoltino fatto a mano da quindicenne, tanto non siete più quindicenni. Le tende del bagno e delle cucina, che avete pizzicato con una molletta o calamita, reclamano la loro dignità e poi quella cerniera della felpa da palestra che non è mai stata chiusa perché l’hai rotta è arrivato il momento di cambiarla o di provare a sistemarla.

5. A proposito di palestra, visto che è chiusa avete due possibilità per la prossima estate: o puntate sulla simpatia oppure trasformate la vostra casa in un angolo dove fare esercizi e magari con tutta la famiglia. Alexander Serra, istruttore della Polisportiva Castelfranco Emilia, che ha deciso di realizzare una serie di clip con esercizi fisici da fare direttamente a casa. Guardate qui il tutorial: 

6. Bricolage in casa. Il quadro mai appeso, la guarnizione del rubinetto, la cinghia della tapparella da sostituire e che dire della porta del bagno che non si chiude con la serratura? Ecco approfittate di questi giorni per sistemare piccoli lavori in casa.

7. I libri sono il carburante per il nostro cervello! Chi lo disse, semplicemente la mia professoressa di lettere delle superiori e fu grazie a lei che decisi di abbandonare la strada del tecnico per iniziare il corso di laurea umanistica. A dire il vero, mai espressione e più giusta: con un libro puoi sognare, ridere, viaggiare, impaurirti e passare le ore senza accorgetene. VI suggerisco alcuni libri che potete anche leggere on line,

Un libro in campeggio

Oppure farveli recapitare a casa. Inoltre ad esempio, per gli iscritti alla biblioteca residenti nel territorio comunale di Castefranco Emilia (MO), possono richiedere la consegna a domicilio di libri e dvd. Magari anche il vostro Comune organizza qualcosa di simile.

8. Programmarvi i prossimi itinerari in camper, caravan o tenda. Perché “andrà tutto bene” e finiremo ancora a cenare in sei in camper! Quindi qui alcuni link per vedere itinerari e foto

7, 14, 21 giorni per conoscere l’Italia

9. Vedervi tutte le puntate su Youtube dei Fulltimer: avete 489 video di Il Bubris e leggetevi le riviste online di Caravan e Camper, CamperLife e Ad okki aperti. E che dire di sistemare, cancellare, correggere le foto sul cellulare e nel PC.

10. L’ultimo è quello da me preferito: dormire! Si avete capito bene, riappropriatevi del sonno, delle 10 ore di sonno, di quello che parte dalle 10 di sera sino alle 8 del mattino! Vedrete che dopo qualche giorno allo specchio le vostre rughe spariranno e se non sarà così, una buona crema antirughe e a mangiare un vasetto di Nutella!

E se il camper è sotto casa o in garage, che ti guarda?

  1. Lo faccio poi quando rientro. Ecco partite da questa frase per scoprire che i bruciatori della cucina, non sono mai stati puliti, la pompa dell’acqua e il serbatoio andrebbero igienizzati e puliti con i prodotti Acquatravel, il camper stesso andrebbe igienizzato con l’ozono e magari lo stesso apparecchio portarlo in casa e igienizzare casa! 

Ma poi vogliamo parlare dei serbatoi di scarico maleodoranti e degli stipetti in cucina, dei barattoli o sacchetti lasciati a metà? E allora qual momento migliore per pulirli e dare una seria ordinata!

2. Il garage: un pozzo senza fine. Scommettiamo che se apro il garage di ognuno di voi trovo ancora le pinne dell’estate scorsa sporche di salsedine! 😊 Direi che è il momento giusto per fare l’inventario dei piccoli ricambi da tenere in garage (fusibili e attrezzi), vedere se i teli per l’estate e le sedie o sdraio non sono consumate, controllare le guarnizioni e serrature delle porte del garage. E infine pulirlo della terra e sabbia dell’estate scorsa.

sdr

3. Piccoli interventi come registrare le serrature delle porte e stipetti, cucire la tenda o il cuscino della dinette, lavare i mobili e le pareti interne del camper con un prodotto non aggressivo (banalmente anche solo acqua e sapone), tirare fuori i materassi e fargli prendere aria.

4. Controllare tutti i documenti necessari per la circolazione e la scadenza revisione, bollo e assicurazione. A dimenticavo: ma la patente l’avete rinnovata?

dav

5. Aprire la veranda se possibile per vedere il telo se ha muffe o se da lavare e controllare il portabici “ma dove ho messo il cartello segnalatore che è obbligatorio”

6. Fate contenta vostra moglie e cambiate il set da cucina che ormai è arrivato a fine vita. E se proprio non riuscite,  fate fare un bel giro di lavastoviglie a tutto il corredo del camper in modo da trovarvelo pronto per la prima uscita.

7.E se poi avete fatto tutto, allora preparate il pranzo in camper in modo da assaporare anche solo un’ora di quella vacanza on the road.                

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *