Adotta un “blocco”

-

Un’iniziativa per fermare il tempo: adottare un blocco delle mura di Paestum

La cinta di muraria di Paestum è una delle più maestose e meglio conservate testimonianze delle fortificazioni della Magna Grecia. Il complesso difensivo attualmente visibile risale al periodo lucano quando la città di Poseidonia-Paestum subiva la minaccia di Roma. Al di sotto degli imponenti blocchi, gli archeologi hanno anche rinvenuto tracce di un precedente impianto difensivo di epoca greca. Le mura hanno accompagnato per lunghi anni la vita delle città e sono tuttora, i testimoni silenti e i protettori ancora in vita della grandezza di Paestum. Adotta un blocco delle mura è l’iniziativa con la quale viene finanziata la manutenzione del complesso monumentale per conservare anche per secoli un pezzo importante di storia che custodisce un tesoro inestimabile da 2500 anni. Come funziona? Con una sottoscrizione di un abbonamento di 50 euro che da diritto ad un sacco di opportunità

  1. ingresso libero al Parco Archeologico di Paestum (PAE)
  2. Newsletter per conoscere lo stato di avanzamento della manutenzione delle mura
  3. Inserimento del proprio nome e identificazione del blocco, su sito web del Parco Archeologico di Paestum
  4. Sconti sui biglietti degli eventi
  5. Ingressi serali liberi
  6. 65% di destrazione fiscale sulla donazione

Come donare? Con carta di Credito o con bonifico. Per maggiori informazioni: [email protected] e sul sito www.paestum.museum

Articolo precedenteEberspacher: perchè l’ho scelto
Articolo successivoVille Venete in barca
Cristiano
Mi chiamo Cristiano! In questo blog troverai suggerimenti per i tuoi viaggi, aree di sosta e campeggi, la nuova frontiera del glamping, luoghi da vivere da solo, con gli amici o con la tua famiglia e angoli nascosti del nostro Bel Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Altri articoli:

Polydrop P17A: la caravan per l’auto elettrica

Si chiama Polydrop P17A è una roulotte creata per viaggiare agganciata ai veicoli elettrici. Scopriamone i dettagli. La linea rischiama...

Grotte di Castelcivita e Velia: angoli nascosti del Cilento

Due angoli nascosti del Cilento: Grotte di Castelcivita e Velia (SA) Del Cilento ve ho già parlato QUI, ma quello...

Marina di Camerota in camper, caravan o tenda.

Marina di Camerota, una delle perle del Cilento. Seguitemi Tra le perle del Cilento c'è verso la fine, al confine...

Terre di Luni: in sella al cavallo o alla bici elettrica

Situato ad Ameglia, fra le Apuane e la Versilia da un lato Terre di Luni è un luogo dove...
- Advertisement -

Il Testarolo, in Camper

Il Testarolo, tipico piatto della Lunigiana: storia, come si prepara e dove sostare in camper Durante la mia sosta presso...

Weekend fuori porta nella provincia di Modena

Un weekend fuori porta nella provincia di Modena? Ecco qualche suggerimento su dove andare e cosa visitare. Ovviamente con...

Provato per te:

Sunlight T58: il CamperVan “rassicurante”

Quindici giorni a bordo del SunLinght T58, per le...

Across car: l’evoluzione del VAN

Across Car  il CamperVan con dimensioni di un VAN...

Ti può interessare anche:CORRELATI
Consigliati per te